Massimo Braconi ospite di XD2016

Braconi Massimo Braconi, detto “Brac”, ha iniziato le imprese più impegnative della sua vita quando queste esperienze erano grandi avventure di condivisione umana in aree talvolta vergini di itinerari tracciati, diversamente dalle attuali, ove prevalgono gli aspetti ipertecnologici e di iperdocumentazione; ha iniziato con l’esplorazione nel 1984 del LangTang (7200 mt) sull’Himalaya; a cui sono seguiti nel 1985, Gangela 6800 mt; 1986, Sosneado Ande 5800 mt;1987, Cerro Venezia 5200 mt; 1991, Dhaulagiri 8167 mt; 2010 Svalbard 400 km a piedi in autosufficienza.

Massimo Braconi è uno sciatore in un’accezione così vasta e completa del termine che si fatica ad esplicitarne il senso più profondo. Anzi, sarebbe più corretto dire che lo sci è uno dei modi in cui Massimo ha legato la propria esistenza alla montagna.

Oggi a 50 anni il Brac, come è soprannominato, è un riferimento internazionale della montagna: freerider professionista, alpinista d’alta quota, telemarker, viaggiatore esperto, allenatore della nazionale italiana freeski per le prossime olimpiadi della neve di Soci in Russia nel 2014, testing manager per nordica: una testimonial di grande professionalità e la capacità di coltivare una passione profonda.

E non è un caso che l’insegnamento costituisca un’area fondamentale della sua attività, perché Massimo, come si suol dire, ha superato l’eccellenza della tecnica ed ha ormai bruciato l’arco di herrigeliana memoria: è capace di trasferire un mix prezioso di esperienza, disciplina, divertimento e condivisione a chi stima questi valori e identifica il freeride come la propria strada per praticarli.

E’ con immenso piacere che l’organizzazione di Xtreme Days annuncia che Massimo Braconi sarà ospite di XD2016, e ci regalerà la visione durante il Festival del film “Destination Georgia” della serie I DIARI DEL BRAC, unendosi con noi nel ricordo di un grande comune amico: Armin Holzer.